Gara di stiro

Le sorellastre erano le persone più cocciute che Cenerentola avesse mai conosciuto. E soprattutto pensavano di poter essere le più brave in qualsiasi disciplina.

Per questo si sfidavano spesso a vicenda.

Una volta avevano deciso di dipingere un ritratto della madre: chi delle due avesse realizzato il più bello avrebbe potuto mangiare la fetta di torta dell’altra.

Fecero accomodare la madre su una poltrona, chiedendole di stare immobile per ore e ore. Chissà che capolavori ne sarebbero usciti… ma i risultati erano talmente brutti che quella sera la madre le mandò a letto senza cena!

Si sfidavano praticamente in tutto. Un giorno decisero addirittura di sfidarsi a una gara di stiro.

«Be’, se ne è capace Cenerentola, perché non potremmo esserlo noi?» aveva detto la maggiore.

E quindi eccole ad armeggiare col ferro da stiro.

«Ma non funziona!» si lamentò la seconda piagnucolando.

Cenerentola si permise di intervenire: «Bisogna prima metterci dentro il carbone…»

«Il carbone?!» saltò su la prima inorridita.

«Sì, del carbone ardente… per far riscaldare il ferro» spiegò Cenerentola.

Al solo pensiero entrambe le sorellastre furono prese dal terrore. Ma nessuna delle due voleva mollare, perché ormai si erano sfidate, e arrendersi voleva dire perdere.

Quindi, spaventatissime, riuscirono a infilare il carbone ardente dentro il ferro e si misero a stirare prendendo capi da una pila di vestiti che Cenerentola aveva appena raccolto dallo stenditoio.

Ma si vedeva che non avevano la minima idea di come fare, perché i vestiti si riempirono subito di pieghe.

Per fortuna arrivò la matrigna che, tuonando un: «Ma che diavolo sta succedendo qui?», le fece fuggire nelle loro stanze.

Ovviamente toccò a Cenerentola sistemare la situazione, ma per lei stirare era quasi diventato un piacere. Iniziò a fischiettare guardando fuori dalla finestra le chiome degli alberi che ondeggiavano al vento, e il lavoro le fu immediatamente più leggero.

Nella sfida col ferro da stiro, non c’erano dubbi, la campionessa era lei!

Su Amazon a 18€

Paolo Valentino, 365 fiabe della buonanotte, De Agostini

Immaginate gli indimenticabili personaggi delle fiabe tornare in azione per vivere avventure mai raccontate. Immaginate i loro mondi arricchirsi di nuovi dettagli, e le loro storie intrecciarsi in una narrazione senza fine.
Questo è il magico universo racchiuso nel libro che tenete tra le mani: una collezione di fiabe della buonanotte, da leggere prima di andare a letto, per addormentarsi ogni giorno cullati da un nuovo racconto.
Età di lettura: da 3 anni.

Check Also

“Amor di sale”

La Cantastorie varca gli Appennini e ci porta alla scoperta delle Marche, da dove proviene …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.