Un pesce magico

C’era, al centro esatto del bosco, un laghetto grande poco più di uno piccolo stagno attorno al quale crescevano giunchi flessuosi. E qui viveva un pesce. All’apparenza era un normalissimo pesce, ma in verità si trattava di un pesce magico!

Era appartenuto a una potente strega buona, che lo aveva allevato in una boccia di cristallo per tanti anni, finché qualcuno lo aveva rubato perché si diceva che esso potesse esaudire ogni desiderio.

Durante il viaggio, però, il pesce si era liberato e, dopo mille peripezie, era giunto in quel laghetto.

Qui potrò stare sereno!, aveva pensato.

Ma si sbagliava: un giorno sulla spiaggia venne a giocare un gruppo di ragazzini. Il loro divertimento più grande era lanciare sassi piatti per farli rimbalzare sulla superficie dell’acqua. Per schivarne uno il pesce dovette fare un saltello, e fu così che i ragazzini si accorsero di lui.

«Che strano pesce!» esclamò uno, perché aveva scaglie dorate che non s’erano mai viste prima.

«Catturiamolo!» propose un altro.

Il pesce dovette scappare nella direzione opposta, ma nel farlo fece un balzo troppo lungo e finì sulla spiaggia.

I ragazzini stavano per buttarsi su di lui, quando comparve la regina del regno, che spesso si concedeva una passeggiata in quel bosco.

«Cosa state facendo?» li sgridò la donna e quelli, vedendo la corona, se la diedero a gambe levate.

La regina si avvicinò al pesce, che si agitava all’aria aperta, e notò le sue squame dorate.

Che pesce particolare!, si disse e subito lo raccolse e lo rigettò in acqua.

Il pesce fece qualche piroetta, ma poi risalì in superficie e parlò alla regina:

«Visto che sei stata così gentile da salvarmi la vita, ora io esaudirò un tuo desiderio!»

La donna, ripresasi dallo stupore di vedere un pesce parlare, pensò che ciò che più voleva sarebbe stato avere un figlio.

E senza che la regina potesse anche soltanto pronunciare il suo desiderio, il pesce le disse: «Mia signora, tu diventerai finalmente madre! Sii felice!»

Su Amazon a 18€

Paolo Valentino, 365 fiabe della buonanotte, De Agostini

Immaginate gli indimenticabili personaggi delle fiabe tornare in azione per vivere avventure mai raccontate. Immaginate i loro mondi arricchirsi di nuovi dettagli, e le loro storie intrecciarsi in una narrazione senza fine.
Questo è il magico universo racchiuso nel libro che tenete tra le mani: una collezione di fiabe della buonanotte, da leggere prima di andare a letto, per addormentarsi ogni giorno cullati da un nuovo racconto.
Età di lettura: da 3 anni.

Check Also

“Amor di sale”

La Cantastorie varca gli Appennini e ci porta alla scoperta delle Marche, da dove proviene …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.