Un paesino di montagna

C’era una volta un piccolo paesino dove tutti gli abitanti erano cordiali, rispettosi, accoglienti e molto ospitali con chiunque passasse da quelle parti.

Nel paese abitava un fornaio che faceva un pane delizioso e buono, tanto soffice da essere facilmente condivisibile con tutti.

Era consuetudine per i cittadini spezzare un pezzo di pane con le persone estranee che passavano di là come segno di condivisione e familiarità.

Anche la gente era diventata come quel pane: soffice, morbida e sempre disposta a donarsi agli altri.

Un giorno però il fornaio si ammalò e non poté più impastare e distribuire quel pane delizioso. In seguito anche la gente, che non aveva più pane, iniziò a indebolirsi e ad ammalarsi. Quelli che passavano per il paesino, non trovando più nessuno che condividesse il proprio pane, restavano delusi.

Un giovane decise di andare a trovare il fornaio e raccontargli ciò che stava accadendo. Dopo averlo ascoltato, il fornaio disse: “Voi avete la farina, avete l’acqua, il lievito, il sale, avete il forno e tutto il necessario per fare il pane”.

Poi aggiunse: “Il segreto di un buon pane è metterci tanta buona volontà e tanto amore.” Il giovane andò via con quelle parole nella testa e con la speranza nel cuore. Il mattino seguente la gente si svegliò con uno squisito profumo che si espandeva tra le strade. Era un inconfondibile profumo di pane caldo.

Tutti usciti dalle proprie case si recarono al forno e trovarono quel giovane che riferì le parole dell’anziano fornaio. Da quel giorno non mancò mai più il pane perché gli abitanti impararono a farlo con amore e buona volontà per nutrirsi e condividerlo con gli altri.

RIFLESSIONE:

La farina, il lievito, l’acqua, il sale sono le tante qualità che Dio ha dato a ciascuno di noi.

Se le impasteremo insieme agli altri con amore e buona volontà diventeremo persone di comunione e chiunque ci incontrerà o starà con noi si sentirà in famiglia.

Check Also

Arlecchino: il vestito dell’amicizia

C’era una volta un bambino molto povero che si chiamava Arlecchino e viveva con la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.