Il bruco Giovanni

Noi risorgeremo

C’era una volta un gelso centenario, pieno di rughe e di saggezza, che ospitava una colonia di piccoli bruchi. Erano tutti onesti e laboriosi, di poche pretese. Il buon vecchio gelso li nutriva tutti e passava il tempo sonnecchiando, cullato dal rumore delle mandibole dei suoi ospiti. Il bruco Giovanni era l’unico che passava volentieri il suo tempo a chiacchierare col gelso: «Sei fortunato, vecchio mio — diceva Giovanni al gelso — te ne stai tranquillo, in ogni caso. Sai che dopo l’estate verrà l’autunno, poi l’inverno, poi tutto ricomincerà. Per noi, invece, la vita è cosi breve…».

Il gelso rideva e rideva, tossicchiando un po’: «Giovanni, mio caro Giovanni, ti ho spiegato mille volte che non finirà così! Non morirai. Diventerai una stupenda creatura, invidiata e ammirata da tutti..

Giovanni brontolava: «Non prendermi in giro! Mai nessun poeta ha dedicato una poesia ai bruchi: siamo detestati da tutti. Tutto quel che dobbiamo fare è mangiare e ingrassare. E basta!».

Qualche volta bruco Giovanni confidava agli amici le parole del gelso; ci trasformeremo in creature bellissime, in esseri alati… «Stupidaggini! Povero incredulo Giovanni! Inventano di tutto per farci stare buoni…».

Ben presto i tiepidi raggi del sole cominciarono a illuminare tanti piccoli bozzoli bianchi, sparsi qua e là sulle foglie del vecchio gelso.

Un mattino anche Giovanni si svegliò in preda ad un invincibile torpore. Si rivolse al gelso: «Ti devo salutare; è la fine.

Devo costruirmi anch’io la mia tomba; sono rimasto l’ultimo..

«Ho già cominciato a godermi il silenzio. Avete spogliato tutti i miei rami; sentirò un po’ di freddo. Arrivederci Giovanni!», sorrise il gelso.

«È un addio, amico mio. Addio». Lentamente, Giovanni cominciò a farsi il bozzolo.

«Oh», ribatté il gelso, «vedrai, vedrai.

In primavera una farfalla stupenda, dalle ali rosse e nere, volava leggera intorno al gelso.

«Hai visto, Giovanni, che avevo ragione io? Hai già dimenticato come eri poco tempo fa!».

Pensano i grandi

  • Come i bruchi, gli esseri umani credono soprattutto in ciò che vedono e toccano. Per molte persone l’esistenza di un’altra vita è solo illusione.
  • È proprio questo il messaggio di Gesù: «Dio non distrugge la vita che ha creato! La trasforma con il suo amore per l’eternità».
  • In fondo, il problema è semplice: fidarsi o non fidarsi di Gesù di Nazaret. I cristiani sono coloro che hanno deciso
    di fidarsi totalmente di Lui.
  • Se la vita termina con la risurrezione per l’eternità, questa nostra esistenza è solo l’inizio di qualcosa di molto importante.

Penso io

  • Credere in un’altra vita si può! Io mi fido di Gesù!

Check Also

La storia di Ba Lena

Un miliardo di anni fa, una certa Ba Lena, che non era più  rande di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.