Fiaba di Primavera

La farfalla Lillalalla e la coccinella Ornella si sono date appuntamento nel grande prato vicino al bosco.

“Hai visto Lillalalla?” chiede la coccinella all’amica “Ormai! primavera, ma nel prato non ci sono ancora molti fiori… Andiamo a vedere da vicino, voglio scoprire il perchè!”.

Le due amiche, volando tra l’erba, scorgono molti boccioli di fiori ancora chiusi, fino a quando la coccinella esclama:

“Guarda laggi”! Quel fiore campanellino ! il solo ad essere sbocciato!”.

In un attimo Lillalalla ed Ornella raggiungono il fiore e mentre lo osservano il fiore dice loro:

“Sono contento che siate venute qui da me, forse voi potete aiutarmi! Dovete sapere che poco fa ! arrivato il folletto della primavera per dare la sveglia a tutti i fiori del prato con il suono del suo campanello ed invitarli a sbocciare perchè adesso il sole! più caldo; ma per adesso il folletto ha svegliato soltanto me!”.

“E come mai?” Chiedono Ornella e Lillalalla.

“Il folletto aveva fretta di andare a riprendersi il suo cappello a casa e mi ha detto: ‘Lascio a te il mio campanello magico, lo appendo tra i tuoi petali, solo tu puoi suonarlo perchè sei un fiore campanellino; se cominci a dare la sveglia agli altri fiori del prato, mi aiuterai a far giungere in tempo la primavera.’
Coccinella e farfalla si guardano confuse…

“Ma allora perch# nessun fiore ! ancora sbocciato oltre a te?”.

“Perchè per suonare il campanello del folletto aspettavo che il vento, con il suo soffio, mi facesse dondolare; ma oggi il vento non ! ancora arrivato! Me la dareste voi una spinta?”.

“Certamente” rispondono Lillalalla ed Ornella, entusiaste, e subito cominciano a svolazzare intorno al fiore, sfiorandolo per dargli delle piccole spinte. Ecco allora che, tra i fiori ancora addormentati, si diffonde il suono del campanellino e a poco a poco tutti iniziano a sbocciare, riempiendo il prato coi fiori ed i profumi della primavera.

Check Also

La tartaruga ingrata

C’era una volta la tradizione che gli uccelli organizzassero un banchetto in cielo. La tartaruga …