Il gatto e l’orologio

Un gattaccio rissoso e prepotente, girando per la casa inosservato, sentì ad un tratto un canto intermittente, come d’un uccelletto un po’ stonato. Frenata brusca, poi ripensamento: “Chissà dove si trova sta gabbietta!?…”.

Gira e rigira tutto il casamento, e scopre ch’è ’na spece de cassetta !…Er micio osserva e studia con pazienza: “Cuccù, cuccù, me fa quella bestiaccia, e appena pijo un po’ de confidenza me sbatte lo sportello su la faccia!…Quest’uccelletto qui, me prende ’n giro– decise er gatto – ma la fo finita la prima volta che mi viene a tiro…

Ecco… Fra poco avviene la sortita…”. Come scatta la molla, scatta er gatto! “Questa volta lo giuro che t’acchiappo! Daje!… Cuccù, miao miao… Bello che fatto! E adesso che t’ho preso me te pappo!”.

Una zampata, un mozzico, ed il micio se trova in bocca giusto qualche molla…(mannaggia, dopo tanto sacrificio) dù pezzetti de legno e ’n po’ de colla.

Allora sbotta: “Ammazze che imbroglione, quest’uccelletto!… È come certa gente che sbraita, sparla, fa ’na confusione, però, drento, de bono nun ci ha gnente!”.

Paolo Menduni

 

Check Also

Le stelle di Oreste (letto da don Paolo Alliata)

Oreste era stato per tutta la vita un lampionaio. Quando il sole si tuffava giù, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.