Come nacque la pastasciutta

C’erano una volta Cipollino, Carotino e Prezzemolino:
tre amici che giocavano a fare il soffritto.
C’era anche un altro amico: Mister Aglio.
Un giorno la Signora Pentola disse:
«Venite, siete pronti?»
«Sì», risposero i tre amici.

«Allora lavatevi squasch, squasch…e poi tagliatevi a pezzettini… zac… zac».
Quando furono pronti, si buttarono dentro la pentola sposh… splosc… pof… pof…
Poi la Signora Pentola chiamò il Signor Olio e gli disse:
«Ora tocca a te».

E allora anche lui si buttò dentro la pentola: plof …plof.
E così cominciò il magico suono del soffritto: schiff…schiff…schiff…
Poi arrivarono anche i pomodorini tutti belli rossi, perché si erano abbronzati al sole del mare.

oro si lavarono: squash… squash…, si tagliarono a pezzetti zac…zac e si buttarono dentro la pentola: splush…splush…
Un pizzico di sale, un po d’acqua e, gira gira, il sugo cominciò a cuocersi.
Dall’altra parte della cucina c’era la Signora Pasta Maccarona che si era innamorata del Signor Sugo e voleva sempre incontrarlo.

Allora la Signora Pentola disse:
«Aspetta un momento! Faccio bollire un po’ d’acqua, e poi ti chiamo».
Quando l’acqua bollì, la pasta si buttò dentro splush…splush…

E, quando fu cotta, scolata, e messa dentro il piatto, disse, vedendo il Signor Sugo:
«Vieni che ti voglio abbracciare!»

Check Also

Quali sono i verbi transitivi?

Quali sono i verbi transitivi?

Ricordo spesso un lungo racconto che si trovava, ai miei tempi nell’antologia delle medie: è …