Giulio Coniglio – Filastrocca bianca

Filastrocche di Nella Coccinella

Nevica nevica, dal cielo bianco e denso
Io dietro ai vetri guardo e penso e penso
Piccole candide manine sorelline
Cadono cadono dal bianco senza fine
Cadono giù dalle loro terre bianche
Dove abitavano in belle città bianche
Con piazze bianche, strade bianche, case bianche
Porte e finestre bianche e siepi bianche
Che chiudono fiorite aiuole bianche
Dove cadono in autunno foglie bianche
Insomma tutto è candido lucente
Per questo in cielo non vediamo niente
Solo un velo di respiro immenso e stanco
Solo un telo nevoso, solo bianco

Sorelline della neve delicate
Vengono giù, nessuno le ha chiamate
Imbianchine coi pennelli più leggeri
Scendono per imbiancare i miei pensieri
Io guardo guardo, penso, e poi mi stanco
E tutto quanto si svuota dentro il bianco

[box type=”info” bg=”#” color=”#” border=”#” radius=”0″]Panini Editore, “Giulio Coniglio”, n.12/2009 Aprile [/box]

Che ne dici di leggere anche... :-)

Lascia una commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.