Giulio Coniglio – Filastrocca del Vulcano

Filastrocche di Nella Coccinella

Monte Vulcano s’è preso la tosse
Lancia nel cielo le sue bave rosse
Spruzza la bava, sprizza la lava
Brucia la terra che lo abbracciava

Monte Vulcano fa uno starnuto
Scioglie un ghiacciaio in un solo minuto
Col fazzoletto di un nuvolone
Il cielo grande gli soffia il nasone

Fiato di fiamme di mille fornelli
State lontano, poveri uccelli
Monte Vulcano con un fiato solo
Vi cuoce arrosto nel mezzo del volo

Corri carretto, corri cavallo
Dietro c’è un fiume di rosso e di giallo
Corri con babbo, corri con mamma
Dietro ci insegue un cavallo di fiamma

Corriamo fino al mare più scuro
Corriamo fino al mare di vetro
Quando alla fine siamo al sicuro
Lì ci fermiamo, guardiamo indietro

Arrabbiatissimo Monte Vulcano
Ci fa zampilli di mille colori
E noi tranquilli, da molto lontano
Cacciamo tre lingue di fuori

[box type=”info” bg=”#” color=”#” border=”#” radius=”0″]Panini Editore, “Giulio Coniglio”, n.3/2009 Aprile [/box]

Che ne dici di leggere anche... :-)

Lascia una commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.