Racconto ebraico – Il Matrimonio

In un Paese dell’Europa orientale, un pio israelita, a causa della tassa sui matrimoni, decretata dall’imperatore, non poteva far sposare sua figlia, non avendo il denaro per pagare l’imposta.

Allora il pover’uomo si rivolse al tribunale della comunità ebraica e disse:

“Voglio citare Dio in giudizio”.

“Sei pazzo”, disse il giudice: “Perché osi citare in giudizio il Signore benedetto?”.

“Perché egli ha promesso di difendere il povero, ma non è fedele alla parola data”.

“Bene”, disse il giudice, “chiamo Dio a difendersi domani davanti al nostro tribunale”.

Il Signore benedetto, come sempre, rimase in silenzio sulle vicende umane e non si difese.

Allora il giudice sentenziò:

“Poiché Dio non si è presentato a rispondere di questa accusa, io lo condanno a risarcire questo pover’uomo pieno di fede”.

Il giorno dopo l’imperatore revocò la tassa sui matrimoni, così la figlia del pio israelita poté sposarsi.

Check Also

Memorie della Befana che fu

Attenzione SPOILER! Quanto vorrei tornare indietro di tanti anni, quando il giorno di oggi era …