Alla nonna

D’inverno ti mettevi una cuffietta coi nastri bianchi come il tuo visino, e facevi ogni sera la calzetta, seduta al lume accanto al tavolino.

Io imparavo la Storia Sacra in fretta e poi m’accoccolavo a te vicino, per sentirti narrar la favoletta del drago azzurro o di Guerrin Meschino.

E quando il sonno proprio mi vincea, m’accompagnavi fino alla mia stanza, e m’addormivi al suono dei tuoi baci.

Allora agli occhi chiusi m’arridea di fantasime splendide e fugaci, in mezzo ai fiori, una gioconda danza.

Gabriele d’Annunzio

Check Also

Filatrocca: La strega del mare

È un poco smorfiosa la strega del mare: non vuol fare sapere che non sa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.