Un’ambasciata imperiale

L’Imperatore, si dice, ha mandato a te, a te in particolare, a te suddito lamentevole, minuscola ombra davanti al sole imperiale fuggita nella più remota lontananza, a te precisamente l’imperatore dal suo letto di morte ha mandato una ambasciata.

Il messaggero l’ha fatto inginocchiare presso il letto e gli ha sussurrato l’ambasciata all’orecchio; tanto gli importava, che se la fece ripetere.
Con un cenno del capo ha confermato la giustezza di quel che gli era stato ripetuto.

E davanti a tutti gli spettatori della sua morte (tutte le pareti che danno fastidio vengono abbattute e sulle vaste scalinate esterne che si slanciano in alto e al largo si tengono in cerchio i grandi dell’Impero), davanti a tutti questi egli ha fatto partire il messaggero.

Il messaggero si è subito messo in viaggio; uomo vigoroso, instancabile; spingendo ora con un braccio, ora con l’altro, si fa strada attraverso la calca; se incontra resistenze, accenna al suo petto, dove si vede il segno del sole; infatti avanza facilmente come nessun altro.

Però la calca è tanto grande; delle sue dimore non si vede la fine.
Se davanti a lui la strada fosse libera, come volerebbe egli, e presto sentiresti i fieri colpi dei suoi pugni alla tua porta.

Invece, come sono vani i suoi sforzi; deve ancora lottare per farsi strada attraverso le sale del palazzo interno ma mai vincerà quell’ostacolo; e se gli riuscisse, non avrebbe guadagnato nulla; per scendere le scale dovrebbe lottare ancora; e se questo gli riuscisse, nulla avrebbe guadagnato; bisognerebbe attraversare i cortili; e dopo i cortili la seconda cerchia dei palazzi; e poi ancora scalinate e cortili; e di nuovo un palazzo; e così avanti per migliaia di anni; e se alfine si precipitasse fuori dall’ultima porta (però mai, mai questo potrà avverarsi) egli troverebbe davanti a sé la città imperiale, il centro del mondo, la città che ha ammucchiato i propri detriti.

Nessuno può penetrare sin qui, ancor meno con l’ambasciata d’un morto.
Ma tu, tu sei seduto alla tua finestra, e sogni questa ambasciata, quando cala la sera (Franz Kafka).

A te il messaggio dell’Imperatore, del Signore del cielo e della terra, è arrivato.
Gesù te lo ha portato.
Ma tu che cosa hai fatto delle sue parole?

Storia contenuta nel volume:
365 piccole storie per l’anima

Il libro contiene piccole storie e qualche pensiero: minuscole compresse di saggezza spirituale. È sufficiente una storia al giorno: dopo averla letta o ascoltata, nessuno è più lo stesso. Il campo di utilizzazione dei racconti è vasto: dalla meditazione personale all’uso nella catechesi e nell’animazione, alla lettura in famiglia… Corredato di un indice tematico.

Check Also

Arlecchino: il vestito dell’amicizia

C’era una volta un bambino molto povero che si chiamava Arlecchino e viveva con la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.