La cesta di Moses

La storia del ragazzo con la cesta dei cinque pani e i tre pesci che Gesù ha moltiplicato per sfamare la folla accorsa ad ascoltarlo. Ci fa capire che il buon Dio si serve anche delle cose più umili. Ogni dono ha la sua ricompensa, anche se inaspettata.

Moses è un ragazzo di 11 anni che vive a Cafarnao, piccolo paese della Galilea sulle rive del lago di Genezaret.

È solo al mondo: ha perso i genitori in una delle tante guerre che periodicamente travolgono il suo paese.

Non ha una casa sua e dorme dove gli capita, a volte in un fienile oppure in una stalla, ma più spesso sotto le stelle, specialmente nelle calde notti d’estate.

Moses, anche se povero, una cosa la possiede: una cesta; con quella gira per i mercati e si offre per trasportare le merci di chiunque ne abbia bisogno. Così guadagna quelle poche monete che gli permettono di vivere.

A Cafarnao tutti lo conoscono per nome, anche perché Moses è sempre molto buono e disponibile; tutti sanno che, all’occorrenza, possono contare sul suo aiuto.

Una mattina un vecchio signore lo chiama:

“Moses, Moses, dove ti sei cacciato?”

“Eccomi, sto arrivando.”

“Ho un lavoro per te.

Eccoti due monete: con questa mi comprerai del pane, e con l’altra del pesce; mi raccomando che sia bello e fresco!

Stasera aspetto un ospite importante: non farmi fare brutta figura!

Se mi servirai bene potrai rimanere a mangiare con noi a cena.”

Il ragazzo è ben contento di aver trovato un lavoro, e la prospettiva di una vera cena gli mette le ali ai piedi.

In quattro salti è sulla riva del lago dove alcuni pescatori stanno aggiustando le reti.

“Avete del buon pesce da vendermi?”

“Mi spiace, ragazzo, ma da due giorni il lago è avaro con noi.”

Moses è deluso: di solito c’è pesce in abbondanza, oggi gli toccherà andarne a cercare nel paese vicino.

Pazienza, tanto sia il pane che i pesci servono per la sera, poi forse è meglio così, perché su quella strada c’è Aronne che fa il pane più buono di tutta la regione.

Avrà per questo una ricompensa in più.

Un’ora dopo, infatti, sei bellissimi pani profumati sono scambiati per una moneta e vanno a finire nella cesta di Moses.

Poco lontano incontra due pescatori.

“Avete del buon pesce?”

“Quel poco che avevamo è già stato venduto, prova a chiedere più avanti.”

Da quasi due ore il ragazzo cammina inutilmente sulla riva del lago alla ricerca di pesce: meglio riposarsi un poco all’ombra di un grande eucalipto.

I pani profumati sono una tentazione irresistibile e così comincia a mangiarne uno.

Ma ansimanti arrivano quattro bambini che stanno giocando a rincorrersi.

Si fermano davanti allo sconosciuto, gli occhi fissi sul pane e la fame dipinta sul volto.

Non si può mangiare in pace quando ti sta osservando chi ha più fame di te, e allora Moses divide il pane in quattro e lo dà ai bimbi che corrono via felici.

Così non è più un furto ma una buona azione, anche se la pancia rimane vuota.

Una voce dal lago lo distoglie da questi pensieri.

“Ragazzo, afferra la cima e aiutami a tirare in secco la barca.”

In un balzo Moses è in acqua per aiutare il pescatore.

Sul fondo della barca solo tre pesci, grossi e bellissimi.

“Me li vendi per una moneta?”

“Prendili pure, sono tuoi.”

Felice di aver completato la sua laboriosa ricerca, Moses si incammina verso casa.

Un’ora dopo incontra sulla riva del lago una gran folla.

Strano, due ore fa, all’andata, non c’era nessuno.

Ma ancor più strano che tutta quella gente se ne stia ferma e silenziosa ad ascoltare un uomo che parla in piedi su una barca.

“E’ Gesù” gli sussurra all’orecchio qualcuno. Quel Gesù di cui tutti parlano, che è passato più volte in questi paraggi, ma che Moses non aveva mai fino ad ora incontrato.

Camminando silenziosamente sulla spiaggia arriva a sedersi proprio davanti alla barca. Ma quella è la barca di Simone, anche lui di Cafarnao, che ora se ne sta seduto ai piedi di Gesù.

Il ragazzo ascolta quelle bellissime parole che hanno il potere di entrare nel profondo del cuore.

Passa il tempo senza che nessuno mostri di accorgersene, o per lo meno quasi nessuno, visto che proprio Simone è assai preoccupato.

Infatti, appena può, consiglia al Maestro di congedare tutta quella gente perché possa andarsi a comperare qualcosa da mangiare nei paesi vicini.

Ma lui risponde: “Dategli voi da mangiare!”

Simone è confuso, si guarda intorno ed esclama: “Ma Signore noi non abbiamo nulla. L’unico cibo che vedo è nella cesta di quel ragazzo qui davanti, cinque pani e tre pesci.”

Gesù allora si fa portare la cesta, la benedice e con quel poco cibo che si moltiplica miracolosamente sfama una folla immensa.

Moses è visibilmente sbalordito. E’ uno dei pochi che ha visto coi propri occhi da dove è uscito tutto quel pane e quel pesce. Anche lui ne ha mangiato e più tardi, quando Simone gli restituisce la cesta vuota ancora emozionato balbetta “grazie.”

“Grazie a te Moses” gli risponde dolcemente l’apostolo.

Le parole si Simone scuotono il ragazzo: è tardi, anzi tardissimo.

Bisogna tornare subito a Cafarnao, ma con cosa, se la cesta è rimasta vuota.

La gente andandosene ha lasciato dei pezzi di pane: in breve la cesta si riempie di pezzetti, di briciole, tutta roba che va bene per i poveri, non per un ospite importante, ma è pur sempre meglio di niente.

I pensieri galoppano nella testa di Moses mentre torna quasi di corsa verso casa.

Ha assistito ad un miracolo incredibile, ha udito parole che danno la pace al cuore, ma cosa dirà al signore che aspetta i pani e i pesci?

Cosi assorto arriva alla casa del suo committente, corre in cucina, vuota sul tavolo la cesta e scappa via per non dover dare spiegazioni.

Corre fin sulla riva del lago e va a nascondersi in una barca che ha riconosciuto come quella di Simone.

Anche questo è un fatto inaspettato: tutte le altre barche hanno preso il largo per gettare le reti sul far della sera, e questa, che solo qualche ora fa ospitava Gesù, è ferma sulla spiaggia.

Ma è proprio Gesù l’ospite atteso al quale erano destinati i pani e i pesci.

Moses questo non lo sa; lo sa invece Simone che racconta al padrone di casa tutto quanto è successo quel giorno, e come da quella cesta sia uscito cibo per una folla immensa.

Il mattino seguente il ragazzo si sveglia, afferra la sua cesta e come il solito va in cerca di qualche lavoro.

“Moses, Moses, aspettami!”

E’ la voce del vecchio signore di ieri che lo sta chiamando.

Non è arrabbiato, ma addirittura affettuoso, e allora il ragazzo invece di scappare si volta.

“Moses, ti prego, ascoltami.

Simone ieri sera mi ha raccontato tutto.

Tu senza saperlo hai dato a Gesù tutto quello che io ti avevo mandato a comperare per lui.

Sei stato molto più bravo di quanto ti avessi chiesto, ed ora ho un gran debito con te.

Io sono vecchio e solo; anche tu sei solo, vuoi venire ad abitare da me?

Ti vorrò bene come ad un figlio, e alla mia morte tutto ciò che possiedo sarà tuo.”

Moses ora abita da tempo col vecchio signore.

Nel suo cuore ricorda sempre le parole di Gesù ascoltate quella mattina sol lago.

“Date, date a tutti, e riceverete il centuplo sulla terra e la vita eterna in paradiso”

Agli amici racconta spesso come un giorno abbia donato tutto ciò che aveva dentro una cesta e per ricompensa abbia ottenuto un padre.

Che ne dici di leggere anche... :-)

Lascia una commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.