L’ira del Minotauro

Con le torce accese ci avventurammo nelle viscere della montagna.
La caverna era piena di stalattiti e stalagmiti che, alla luce delle torce, sembravano giganteschi denti in una bocca di pietra.
L’aria era fresca, ma odorava di muffa e di marcio. Davanti a noi si apriva una specie di tunnel. Ci incamminammo lentamente. Non immaginavamo che quello fosse l’ingresso di uno sterminato labirinto di pietra…

Faceva molto freddo e l’umidità mi penetrava nelle ossa.

A un tratto quella specie di corridoio svoltava a destra.

— Speriamo di trovare presto qualche importante reperto! — dissi.
— Reperto… perto… erto…

Le mie parole riecheggiarono per tre volte, prima di svanire.

— Avete sentito? – esclamò Kevin.
— Sentito… tito… ito… – rimbombò la grotta.
— Forte! Gridiamo una parola per ciascuno! propose Roy.
— Ciascuno… scuno… uno… ripeté l’eco.

Kevin fece un sorriso furbo e gridò: – Gallina!

— Gallina… lina… ina…

Continuammo a procedere, anche quando il corridoio svoltò di nuovo verso destra, e, un attimo dopo ancora, ancora a destra.

Camminammo a lungo senza sapere dove stavamo andando. Avremmo dovuto insospettirci, ma nessuno di noi ci fece caso…

P.P. Strella, L’ira del Minotauro, Piemme Junior

Check Also

L’Anello del pastore (Gianni Rodari)

C’era una volta un pastore che pascolava il suo gregge nelle campagne intorno a Roma. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.